L’errore negoziale

 La divergenza tra volontà e dichiarato può essere anche inconsapevole perché causata da un errore, si usa distinguere due tipi di errore: vizio e ostativo. Il primo si ha quando il soggetto avrebbe contratto anche senza l’errore ma a condizioni diverse (presumibilmente più favorevoli), il secondo si ha quando il soggetto non avrebbe proprio contratto e l’errore ha viziato radicalmente la sua volontà.

Continua a leggere

 

Soggetti e Classificazioni

I soggetti che dovevano manifestare la volontà negoziale dovevano avere capacità di agire e legittimati a farlo.

La prima corrisponde in larga parte con la capacità intellettuale la seconda con l’idoneità a porre in essere quello specifico negozio o almeno ad essere legittimati dal titolare iniziale ( ad esempio tutore o procuratore).

Continua a leggere

Liberi e Servi

Liberi si nasce o si diventa. Si nasce liberi se nati da una madre libera (chiamati ingenui), o altrimenti se si è nati schiavi ma si è diventati liberi (lo schiavo che diventa libero viene chiamato liberto).

Anche schiavi si nasce o si diventa, infatti ad esempio per diventare schiavo bastava essere catturato in battaglia (=captivitas, prigioniero di guerra).

Continua a leggere

 

Simulazione e Divergenza tra dichiarato e voluto

 Può accadere che vi sia divergenza tra il dichiarato e il voluto, in questi casi il diritto romano prevedeva in linea generale la nullità per i contratti consensuali o a forma libera cioè non solenni, mentre la perfetta validità nei casi dei negozi solenni e formali.

Continua a leggere

 

Perchè si chiama Patto Leonino?

Il patto leonino è quell'accordo posto in essere dai soci che stabilisce nessun compenso per alcuni di essi. In pratica un socio non partecipa alla spartizione degli utili generati dall'attivita societaria.

Continua a leggere


Riproduzione Riservata.